Indice
La storia
La formazione
I giacimenti
La ricerca
La perforazione
L'estrazione
I trattamenti
Il trasporto
La raffinazione
I danni del petrolio

Il trasporto

Il petrolio una volta estratto dal giacimento viene immesso in un sistema di tubazione chiamato oleodotti (pipeline) per poter essere trasportato dalle raffinerie ai porti di imbarco. L’oleodotto è costituito da tubi in acciaio saldati, il cui diametro può raggiungere fino ai 90 cm. Essi per lo più vengono interrati e possono coprire anche lunghe distanze. Questo petrolio viene immesso negli oleodotti grazie alle stazioni di pompaggio che lo spingono all’interno dei tubi. La realizzazione di un oleodotto richiede uno studio approfondito del terreno in cui va collocato, per stabilire il percorso più stabile e agibile. Giunto ai porti di imbarco il greggio viene caricato su petroliere o navi cisterna che in seguito lo trasporteranno alle raffinerie. Negli anni sessanta vennero costruite gigantesche navi petrolifiche che potevano trasportare il doppio del carico. Però la metà di queste hanno avuto conseguenze disastrose sul piano ecologico, affondando in mare e uccidendo milioni di animali.

 

 

 

 

                                                                    

sito  ottimizzato per una risoluzione 1024x768